Blog

Panoramica flash settimanale su indici e materie prime (22-10-2017)

Ben ritrovati.

Vediamo la VARIAZIONE SETTIMANALE su tutti gli indici.

Ancora lateralità in Europa, con scatto in avanti invece per lo S&P500 americano (+2%).

Immutato il grafico settimanale sul Ftse Mib italiano.

Sostanzialmente fermo anche l’EUROSTOXX50.

Record ritoccato per il DAX tedesco (13043 punti il 18-10).

In sorprendente ascesa il DOW JONES americano.

Infine il NIKKEI giapponese, praticamente “verticale”.

Vediamo il grafico planetario di Lunedì 23 Ottobre.

Continua l’OPPOSIZIONE SOLE-URANO, mentre si avvicina l’importante CONGIUNZIONE SOLE-GIOVE.

Da segnalare il passaggio di MARTE dalla VERGINE alla BILANCIA e l’ingresso del SOLE in SCORPIONE.

SATURNO è nell’orbita del TRIGONO con URANO, con MERCURIO in TRIGONO a NETTUNO.

La settimana si preannuncia “cruciale” per via della CONGIUNZIONE SOLE-GIOVE, che contrassegnerà poi il prossimo periodo.

Passiamo alla VARIAZIONE SETTIMANALE sulle MATERIE PRIME.

Notiamo il calo dei METALLI PREZIOSI.

Il PETROLIO ha invece mantenuto le posizioni precedenti.

L’ORO è stato nuovamente respinto dalla soglia dei 1300 dollari.

Il PLATINO staziona sotto la MEDIA MOBILE nera a 120 giorni.

Infine il cambio EURO-DOLLARO, “a cavallo” della MEDIA MOBILE rossa a 55 giorni.

Buona settimana e alla prossima.

Importante: non utilizzare questo report ai fini del trading; l’utilità della “panoramica” consiste nell’avere una “fotografia” e un’idea generale delle tendenze sui mercati.

 

I tre libri di Giancarlo Anelli


1) il Mondo della Borsa e il Trading con i Minicicli

Un metodo straordinario, basato sui pianeti, per costruirsi un Capitale nel Tempo

Presentazione Libro 1 – Il MONDO della BORSA e il TRADING con i MINICICLI


2) L’Astrologia e la Borsa

Un viaggio affascinante negli ultimi 15 anni dell’indice azionario italiano in chiave astrologico-planetaria. Le basi dell’Astrologia applicata alla Borsa

Presentazione Libro 2 – L’Astrologia e la Borsa


3) Iniziazione alla Borsa e alla Visione Planetaria

Il libro che completa la trilogia astrologico-planetaria; contiene le proiezioni planetarie fino al 2020

Presentazione LIBRO 3 – Iniziazione alla Borsa e alla Visione Planetaria

Segnali operativi o strategie di trading?

Ben ritrovati.

Nel campo del trading si sono diffusi i cosiddetti “segnali operativi“.

Gli esperti, in base ai propri metodi di trading, propongono di volta in volta agli utenti finali dei punti di ingresso e di uscita per operare sui mercati finanziari.

Ma c’è veramente consapevolezza su cosa significhi “operare in Borsa” ?

E’ sufficiente riuscire a replicare dei “segnali” per avere successo?

Cosa differenzia un segnale da una strategia?

E’ bene fare chiarezza…

La strategia è un qualcosa di più complesso ed articolato rispetto ad un “segnale” e presuppone uno studio, una ricerca approfondita, la capacità di personalizzare il trading in base alle proprie esigenze.

La strategia dunque è un “vestito” che l’operatore si deve cucire addosso e con cui si deve trovare a proprio agio.

Il “segnale” è uno stimolo esterno, spesso improvviso ed estraneo alla realtà individuale dell’operatore, che lo costringe ad un faticoso quando difficile adattamento.

Il “segnale” spesso è univoco (entra qui, esci lì, inserisci lo stop) ma non prevede solitamente ingressi progressivi, frazionamento del rischio, sfruttamento delle oscillazioni (anche in controtendenza), possibilità di “modulare” maggiormente l’impatto, anche emotivo, con il mercato.

Se il segnale può essere considerato una sorta di “o la va o la spacca”, la strategia contempla una quantità maggiore di combinazioni, permettendo così un approccio più tranquillo, una programmazione più strutturata, una modalità più in linea con le esigenze dell’operatore, che può appunto personalizzare l’operatività.

Il trading con i MINICICLI, oltre ad essere un metodo non intraday, è basato sulle STRATEGIE e non sui “segnali” in quanto, alla base di tutto, va fatto un lavoro consapevole da parte dell’operatore per entrare in sintonia con il metodo che intende utilizzare, in modo da stabilire in anticipo le condizioni per interagire con il mercato stesso (parametri di take profit / stop loss, esposizione progressiva, durata dell’operazione, ecc.).

La “strategia”, a mio parere, batte sempre il “segnale”, e pone in una migliore condizione psicologica. E’ chiaramente un passo avanti nella crescita dell’operatore.

 

Panoramica di borsa settimanale (15-10-2017)

Ben ritrovati.

Vediamo la VARIAZIONE SETTIMANALE su tutti gli indici.

Notiamo leggeri incrementi in Europa e negli Stati Uniti; più tonici gli indici extra continentali.

Immutato il grafico settimanale sul Ftse Mib italiano (l’ultimo massimo è quello del 29 Settembre a 22696 punti).

Sostanzialmente fermo anche l’EUROSTOXX50.

Nuovo record per il DAX tedesco.

Ha ritoccato il massimo il NASDAQ americano (6606 punti).

In ascesa infine il NIKKEI giapponese, ormai oltre i massimi del 2015.

Vediamo il grafico planetario di Lunedì 16 Ottobre.

Il cielo appare ancora “in incubazione”, mentre si avvicina ulteriormente l’OPPOSIZIONE SOLE-URANO (l’aspetto chiave del periodo).

Non hanno sortito effetti negativi, finora, la QUADRATURA MARTE-SATURNO e l’OPPOSIZIONE GIOVE-URANO.

Va detto che SATURNO e URANO stanno ritornando in aspetto di TRIGONO (positivo), ed il SOLE è in SESTILE a SATURNO.

La configurazione resta comunque contrastata.

Vi è una certa attesa per la sorte dei mercati azionari, al momento ancora molto forti.

Passiamo alla VARIAZIONE SETTIMANALE sulle MATERIE PRIME.

Deciso recupero del NATURAL GAS e del PETROLIO e buona intonazione per i METALLI.

Il PETROLIO ha rimbalzato dalla MEDIA MOBILE rossa a 55 giorni.

L’ORO è ritornato sopra i 1300 dollari, risalendo dalla MEDIA MOBILE nera a 120 giorni.

Ottimo spunto anche dell’ARGENTO.

Si è ripreso il RAME.

Infine il cambio EURO-DOLLARO, in risalita ed ora contro la MEDIA MOBILE rossa a 55 giorni.

Buona settimana e alla prossima.

Giancarlo Anelli

 

Le linee guida per i prossimi mesi

Ben ritrovati.

L’intenzione, nei prossimi mesi, è di riprendere gradatamente tutti gli argomenti trattati da quando sono stati scritti i libri (2009-2010) fino ad oggi, perché è il bagaglio di esperienza che servirà specificatamente dal 2018 in avanti (con la ripresa dei CICLI PLANETARI ASCENDENTI).

I TRE “FILONI” GUIDA saranno:

– LA BORSA e il TRADING

-L’ASTROLOGIA e i PIANETI

-L’AUMENTO del LIVELLO ENERGETICO e la CRESCITA EVOLUTIVA

Il collante di tutto è la CONSAPEVOLEZZA dell’ENERGIA, cioè il “PILASTRO” della NUOVA ERA (ne ho parlato per la prima volta nel TERZO LIBRO: INIZIAZIONE alla BORSA e alla VISIONE PLANETARIA).

Alla prossima.
Giancarlo Anelli

 

I tempi della Terra e le fluttuazioni planetarie (13-10-2017)

Ben ritrovati.

Se manteniamo vigile l’attenzione, dobbiamo riconoscere che accanto alle vicende dei mercati c’è uno scenario di fondo, un tessuto invisibile che condiziona e avvolge tutte le attività umane.

Tutti noi avvertiamo una spinta o un freno in determinati periodi dell’anno, in quanto risentiamo della cosiddetta “stagionalità”, un fattore di cui dobbiamo tenere conto.

Se non si comprende il fenomeno della stagionalità, si rischia di non essere in sintonia con i ritmi della natura e di compiere quindi delle scelte controproducenti in riferimento al momento e al contesto temporale in cui vengono fatte.

Possono non essere sbagliate in assoluto ma “fuori tempo” o non in sintonia con il tempo cosmico, vale a dire quell’ordine naturale superiore a cui accediamo quando siamo “ispirati” e motivati.

Oltre alla classica “stagionalità” che conosciamo (vale a dire il percorso solare nell’arco di un anno), vi è un altro tipo di fenomeno da analizzare e comprendere, ed è proprio l’oggetto di questo articolo.

Sappiamo che l’influenza della ciclicità non deve affatto essere trascurata, ma viceversa studiata con attenzione.

Voglio condividere dunque una mia scoperta su questo argomento e sulle dinamiche planetarie in generale, di cui ho parlato nel mio terzo libro dal titolo “Iniziazione alla Borsa e alla Visione Planetaria”.

Si tratta di un indicatore planetario che a me è risultato particolarmente utile ed efficace per comprendere alcune dinamiche altrimenti incomprensibili, che riguardano appunto l’andamento delle cose e il perché ci troviamo a volte in periodi di spinta e in altri di frenata.

Mi riferisco alle FLUTTUAZIONI PLANETARIE, movimenti ciclici pluriennali che scandiscono appunto queste fasi di salita e di discesa.

Attualmente, almeno secondo i miei studi, ci troveremmo all’interno di CICLI PLANETARI DISCENDENTI, in particolare dal 2011.

Anni di CRISI ma anche di opportunità.

Sotto si può vedere proprio la FLUTTUAZIONE PLANETARIA, con l’ONDA che da LUGLIO (2017) sta proseguendo verso MARZO 2018.

Fluttuazione planetaria

Fluttuazione planetaria

La FLUTTUAZIONE PLANETARIA dà un’idea della “marea astrale”, della FORZA MAGNETICA POSITIVA o NEGATIVA che accompagna le VARIE FASI della VITA.

NON INDICA I RIBASSI E I RIALZI ma L’ENERGIA A DISPOSIZIONE per la RIUSCITA.

Ripeto: non indica i rialzi e i ribassi, anche se vi può essere un nesso tra le ONDE e il mercato.

Serve a capire che nelle ONDE ASCENDENTI bisogna lavorare in un certo modo, mentre nelle ONDE DISCENDENTI bisogna agire in un altro modo.

Si potrebbe fare una ANALOGIA con le STAGIONI della TERRA.

Vi è un TEMPO per ARARE la TERRA, uno per SEMINARE, uno per ANNAFFIARE e CURARE, e l’ultimo per MIETERE il RACCOLTO e raccogliere i FRUTTI.

Quando le ONDE della FLUTTUAZIONE diventano DISCENDENTI bisogna lavorare appunto sulle prime due FASI: arare il terreno e seminare.

Quando le ONDE della FLUTTUAZIONE diventano ASCENDENTI, in base a come avremo arato il terreno e seminato, potremo cominciare a curare ed annaffiare, in modo da poter raccogliere i maggiori frutti sulla CRESTA dell’ONDA ASCENDENTE (prima che inizi una nuova fase discendente e si rimescolino le carte).

Ho già sperimentato tre forti ONDE DISCENDENTI (almeno con la consapevolezza di queste informazioni), nel 2011, nel 2013 e nel 2015 (sarebbe troppo lungo spiegarne tutti i retroscena)..

In ogni caso, quando l’ONDA ASCENDENTE diventa DISCENDENTE, cambia completamente lo scenario di fondo, anche se in modo invisibile.

Da LUGLIO 2017 in avanti siamo all’interno di un’ONDA di FLUTTUAZIONE DISCENDENTE.

Volendo fare una similitudine tra il TRADING e l’attività di PESCA, significa (o può significare) che anche le condizione del MARE (della BORSA) non sono così favorevoli ai GUADAGNI.

Non dipende dal fatto che il mercato salga o scenda.

Dipende dal fatto che il VENTO è CONTRARIO e che quindi è più difficile realizzare degli utili.

Ciò nonostante, è un ottimo momento per arare il terreno e seminare, per poter magari raccogliere i frutti più in là.

Ho già affermato che il campo del TRADING, a mio avviso, si è un po’ “saturato”, proprio per la proliferazione di segnali operativi senza la necessaria preparazione psicologica, energetica, strategica e attitudinale.

Questo lavora di preparazione, in base alla mia esperienza, rappresenta almeno il 75-80% del lavoro del TRADER, mentre il 20-25% è costituito dalle TECNICHE e dai “SEGNALI”.

Sopratutto all’interno delle ONDE di FLUTTUAZIONE DISCENDENTE, è invece fondamentale dedicarsi a questo importante lavoro di PREPARAZIONE al TRADING, che presupponga una CRESCITA ENERGETICA.

Alla prossima
Giancarlo Anelli

Libri di Giancarlo Anelli


1) il Mondo della Borsa e il Trading con i Minicicli

Un metodo straordinario, basato sui pianeti, per costruirsi un Capitale nel Tempo

Presentazione Libro 1 – Il MONDO della BORSA e il TRADING con i MINICICLI


2) L’Astrologia e la Borsa

Un viaggio affascinante negli ultimi 15 anni dell’indice azionario italiano in chiave astrologico-planetaria. Le basi dell’Astrologia applicata alla Borsa

Presentazione Libro 2 – L’Astrologia e la Borsa


3) Iniziazione alla Borsa e alla Visione Planetaria

Il libro che completa la trilogia astrologico-planetaria; contiene le proiezioni planetarie fino al 2020

Presentazione LIBRO 3 – Iniziazione alla Borsa e alla Visione Planetaria