Panoramica grafica settimanale su indici di borsa e materie prime (26-11-2017)

Ben ritrovati.

Vediamo la VARIAZIONE SETTIMANALE su tutti gli indici.

L’incremento medio è di circa un punto percentuale.

Il Ftse Mib ha rimbalzato, raggiungendo l’obiettivo indicato attorno ai 22500-22600 punti e chiudendo leggermente sotto.

L’EUROSTOXX50 ha trovato un punto d’appoggio.

Ad uno snodo importante il FTSE 100 inglese.

Bene lo SMI svizzero.

Nuovo record sullo S&P500.

Vediamo il grafico planetario di Lunedì 27 Novembre.

Il SOLE è passato in Sagittario, con MERCURIO in congiunzione a SATURNO.

La configurazione di fondo appare ancora tendenzialmente positiva grazie al TRIGONO tra SATURNO e URANO e tra GIOVE e NETTUNO.  

L’OPPOSIZIONE MARTE-URANO potrebbe portare un po’ di volatilità.

Passiamo alla VARIAZIONE SETTIMANALE sulle MATERIE PRIME.

L’andamento è molto contrastato. 

Spicca il calo del NATURAL GAS…

L’ORO è in laterale.

Buona ripartenza del RAME.

Accelerazione rialzista sul cambio EURO-DOLLARO (superata di netto la media mobile a 55 giorni).

Buona settimana e alla prossima.
Giancarlo Anelli

Importante: non utilizzare questo report ai fini del trading; l’utilità della “panoramica” consiste nell’avere una “fotografia” e un’idea generale delle tendenze sui mercati.

 

Estensione Promozione abbonamento per il “Black Friday” fino al 28-11-2017

Con l’occasione del Black Friday (24-11), è possibile sottoscrivere l’ABBONAMENTO al sito a condizioni particolarmente vantaggiose (il termine è stato esteso al 28-11-2017).

Si riceveranno:

  1. COMMENTI di BORSA giornalieri (analisi, previsione, formazione)

  2. STRATEGIE operative MINICICLI sul Ftse Mib italiano

La QUOTA scontata è di:

  • 100 euro 1,5 mesi

  • 150 euro 3 mesi (oppure 200 euro 4 mesi)

  • 300 euro 6 mesi (oppure 350 euro 7 mesi)


Coordinate: Anelli Giancarlo, CASSA RURALE – BCC di Treviglio – Filiale di Crema – Piazza Marconi, 18 – CREMA (CR)

IBAN: IT84A0889956840000000570422 CAUSALE: abbonamento mensile, o trimestrale o semestrale

Per ulteriori informazioni inviare email a giancarloanelli@libero.it  (329 5456607)

Qui sotto il MODULO per procedere:

 

 

Promozione abbonamento per il “Black Friday” (24-11-2017)

In occasione del Black Friday (fine alle ore 24:00 del 24-11-2017), è possibile sottoscrivere l’ABBONAMENTO al sito a condizioni particolarmente vantaggiose.

Si riceveranno:

  1. COMMENTI di BORSA giornalieri (analisi, previsione, formazione)

  2. STRATEGIE operative MINICICLI sul Ftse Mib italiano

La QUOTA scontata è di:

  • 100 euro 1,5 mesi

  • 150 euro 3 mesi (oppure 200 euro 4 mesi)

  • 300 euro 6 mesi (oppure 350 euro 7 mesi)


Coordinate: Anelli Giancarlo, CASSA RURALE – BCC di Treviglio – Filiale di Crema – Piazza Marconi, 18 – CREMA (CR)

IBAN: IT84A0889956840000000570422 CAUSALE: abbonamento mensile, o trimestrale o semestrale

Per ulteriori informazioni inviare email a giancarloanelli@libero.it  (329 5456607)

Qui sotto il MODULO per procedere:

 

 

Borsa italiana e Giove in Scorpione (la correlazione con il 1993-1994)

Accostare alcuni transiti planetari all’andamento dei mercati permette di stabilire delle correlazioni, con risvolti utili e pratici.

In precedenti articoli ho mostrato la CORRELAZIONE tra l’andamento della borsa italiana nel 2017 (con il pianeta GIOVE prima in BILANCIA e poi in SCORPIONE) e quanto accaduto nel 2005-2006 (con lo stesso transito di GIOVE).

La stessa combinazione di GIOVE (dalla BILANCIA allo SCORPIONE) si è verificata naturalmente anche 24 anni fa (il biennio 1993-1994).

Vi è un discreto parallelismo tra il 2005-2006 e il 1993-1994.

Sarà così anche per il 2017-2018 ?

Vediamo la situazione attuale sul Ftse Mib (al 17-11-2017). Ci troviamo attorno ai 22100 punti,  esattamente sulla RETTA tratteggiata in corrispondenza dei massimi di Agosto.

L’ultimo recente massimo è stato fatto poco sopra i 23000 punti il 2 di Novembre.

Vediamo il grafico del 1993-1994.

Interessante notare che nel NOVEMBRE 1993 (dopo una cavalcata durata diversi mesi) il mercato italiano stava scendendo (questo è l’indice COMIT).

Il MINIMO fu fatto il 23 Novembre e dà lì partì una nuova spinta rialzista, culminata con i MASSIMI del Marzo-Maggio 1994.

Un COPIONE abbastanza simile al 2005-2006 (dove però il minimo fu fatto in Ottobre).

Non è detto ovviamente che la STORIA si ripeta in modo così “stretto”.

Dalla veloce analisi di questi grafici constatiamo comunque che dai MINIMI di OTTOBRE-NOVEMBRE si originò un MOVIMENTO RIALZISTA, con MASSIMI importanti tra MARZO e MAGGIO (sia nel 1994 che nel 2006).

Per chi ricorda il 1993-1994, fu il periodo della discesa in campo di Silvio Berlusconi, risultato VINCITORE alle ELEZIONI POLITICHE del 1994.

Visto che nella primavera del 2018, quasi sicuramente, vi saranno NUOVE ELEZIONI, sarà interessante verificare se con la stessa posizione di GIOVE (a 24 anni distanza), avremo lo stesso RISULTATO…

Oppure, se considerando che allora la SORPRESA era FORZA ITALIA mentre questa volta potrebbe essere il MOVIMENTO a 5 STELLE, l’esito sarà DIVERSO…

Staremo a vedere!
Alla prossima
Giancarlo Anelli

 

Panoramica grafica settimanale su indici e materie prime (19-11-2017)

Ben ritrovati.

Vediamo la VARIAZIONE SETTIMANALE su tutti gli indici.

Il decremento medio è di circa mezzo punto percentuale; si salvano il NASDAQ americano, lo SMI svizzero e il BOVESPA brasiliano. Il peggiore è il Ftse Mib italiano (-2,07%).

Il nostro indice ha raggiunto uno dei cerchiolini bianchi indicati nel REPORT precedente (poco sopra i 22000 punti). In caso di rimbalzo, obiettivo attorno ai 22500-22600 punti, in caso di discesa, primo step attorno ai 21700-21800 punti.

L’EUROSTOXX50 sta cercando un punto d’appoggio.

Situazione simile sul DAX tedesco.

In controtendenza lo SMI svizzero.

Nuovo record sul NASDAQ.

Accenno di rimbalzo per il BOVESPA.

Vediamo il grafico planetario di Lunedì 20 Novembre.

Sulla CONGIUNZIONE SOLE-GIOVE i mercati azionari hanno accelerato e raggiunto dei massimi, da cui si è originata una fase di ritracciamento.

La configurazione di fondo appare ancora tendenzialmente positiva grazie al TRIGONO (strutturale) tra SATURNO e URANO ma non sono esclusi altri movimenti correttivi (quadratura tra MARTE e PLUTONE).

Buon TRIGONO invece tra GIOVE e NETTUNO e tra MERCURIO e URANO.  

Da segnalare il prossimo cambio di segno del SOLE, da Scorpione a Sagittario (Mercoledì 22 Novembre).

Passiamo alla VARIAZIONE SETTIMANALE sulle MATERIE PRIME.

Si apprezzano i METALLI PREZIOSI, mentre resta in alto il PETROLIO.

L’ORO accenna ad una ripresa ma non ha ancora superato al rialzo la MEDIA MOBILE rossa a 55 giorni.

Meglio orientato il PLATINO.

In ripiegamento il RAME, appoggiato ora sulla MEDIA MOBILE nera a 120 giorni (possibile supporto).

Infine il cambio EURO-DOLLARO, che ha raggiunto l’obiettivo attorno a 1,18.

Buona settimana e alla prossima.

Giancarlo Anelli

 

Panoramica grafica settimanale su indici e materie prime (12-11-2017)

Ben ritrovati.

Vediamo la VARIAZIONE SETTIMANALE su tutti gli indici.

Il decremento medio è di oltre l’1%; scende nettamente l’Europa, resistono gli indici americani.

Ha ceduto il Ftse Mib dopo il massimo del 2 Novembre; nel grafico sotto alcuni possibili obiettivi, sia al rialzo che al ribasso (vedi cerchiolini bianchi).

Storno deciso anche per l’EUROSTOXX50.

Situazione analoga sul DAX tedesco.

Il NIKKEI ha raggiunto i livelli del massimo del 1996.

In ripiegamento il BOVESPA.

Importante punto d’arrivo raggiunto sul SUPERINDICE azionario.

Vediamo il grafico planetario di Lunedì 13 Novembre.

Sulla CONGIUNZIONE SOLE-GIOVE i mercati azionari hanno accelerato e raggiunto dei massimi, da cui si è originata una fase di ritracciamento.

La configurazione di fondo appare ancora tendenzialmente positiva grazie al TRIGONO (strutturale) tra SATURNO e URANO ma non sono esclusi altri movimenti correttivi (quadratura tra MERCURIO e NETTUNO, quadratura tra MARTE e PLUTONE).

Vi è l’ipotesi, inoltre, che proprio la CONGIUNZIONE SOLE-GIOVE abbia indicato un temporaneo cambio di tendenza, da rialzo a ribasso.

Passiamo alla VARIAZIONE SETTIMANALE sulle MATERIE PRIME.

Si apprezza ancora il PETROLIO, mentre restano stabili i METALLI PREZIOSI.

Break-out rialzista del NATURAL GAS.

Tentativo di accelerazione sul PETROLIO, che ha superato una resistenza.

L’ORO è in laterale.

Tenuta del PLATINO.

Infine il cambio EURO-DOLLARO: in caso di mancato rimbalzo dalla MEDIA MOBILE a 120 giorni (con obiettivo a 1,18), possibile discesa attorno a 1,15.

Buona settimana e alla prossima.

Giancarlo Anelli

 

Panoramica settimanale “flash” su indici di borsa e materie prime

Ben ritrovati.

Vediamo la VARIAZIONE SETTIMANALE su tutti gli indici.

Prosegue la tendenza rialzista, con il solo Bovespa brasiliano in controtendenza. (+2,85%).

Sul grafico settimanale del Ftse Mib italiano si nota il rimbalzo (ipotizzato nel report precedente), dalla TRENDLINE ascendente nera. Siamo sui massimi dell’anno.

L’EUROSTOXX50, con il recente balzo all’insù, è ritornato sui livelli di Luglio 2015.

Il DAX tedesco sembra proteso verso l’obiettivo di medio periodo attorno ai 14000 punti.

Non si ferma l’ascesa del NASDAQ americano.

Interessante, infine, la situazione sul BOVESPA, in ripiegamento dopo il massimo assoluto fatto poco sotto i 77000 punti (13 Ottobre), ed ora appoggiato sulla LINEA del precedente massimo del Maggio 2008.

Vediamo il grafico planetario di Lunedì 6 Novembre.

Sulla CONGIUNZIONE SOLE-GIOVE, come ipotizzato, da un paio di settimane i mercati azionari hanno ripreso la corsa al rialzo.

La configurazione, di fondo, appare ancora tendenzialmente positiva, grazie al TRIGONO SOLE-NETTUNO e al TRIGONO (strutturale) tra SATURNO e URANO.

Un aspetto “frenante” si può individuare nell’OPPOSIZIONE VENERE-URANO.

Passiamo alla VARIAZIONE SETTIMANALE sulle MATERIE PRIME.


Si apprezza ancora il PETROLIO, mentre risultano stabili i METALLI PREZIOSI.

Decisamente rialzista l’inclinazione del PETROLIO, che potrebbe accelerare in caso di rottura dei 56 dollari (oltre cioè la linea che unisce due massimi precedenti).

L’ORO è in laterale.

Uno sguardo anche all’ARGENTO.

Infine il cambio EURO-DOLLARO: in caso di mancato rimbalzo dalla MEDIA MOBILE a 120 giorni, possibile discesa attorno a 1,15.

Buona settimana e alla prossima.
Giancarlo Anelli
giancarloanelli@libero.it

Importante: non utilizzare questo report ai fini del trading; l’utilità della “panoramica” consiste nell’avere una “fotografia” e un’idea generale delle tendenze sui mercati.